La Trinità: un affare da specialisti?

Gentile direttore, vorrei condividere con lei una mia preoccupazione di fede. Ho l’impressione che oggi sembri poco appropriato parlare della Trinità cristiana. Che anche molti cristiani considerino la riflessione su Dio uno e trino un lavoro da specialisti, se non proprio un’inutile complicazione lungo il cammino spirituale. Ho parlato di questo con alcuni sacerdoti, e ho avuto l’impressione che anche loro affrontino il tema quando non possono farne a meno, e a malavoglia (con imbarazzo?). A me sembra – ma questo è il parere che vorrei chiederle – che ogni credente cristiano dovrebbe invece riappropriarsi con convinzione della visione trinitaria di Dio, che è sicuramente un grande mistero ma è anche la base della nostra fede sulla quale abbiamo impostato la nostra vita. Abbiamo la rappresentazione bellissima che ci ha lasciato sant’Agostino (la Trinità come l’Amante, l’Amato e l’Amore che lega l’uno e l’altro e fa dimorare Dio in tutti gli uomini). Ma abbiamo anche la visione trinitaria nella prospettiva della creazione, già abbozzata da Agostino e patrimonio soprattutto della tradizione orientale. Forse dovremmo riscoprire anche questa visione potenzialmente molto ricca, soprattutto se riusciamo a vedere nelle scoperte della scienza sulla nascita dell’universo, la comparsa della vita e dell’uomo non tanto minacce alla fede ma piuttosto ulteriori nessi e analogie che aiutano a trasmettere sempre meglio il senso profondo del mistero trinitario. Che ne pensa? Ritiene che la fede possa essere più solida e serena se riposa su frammenti di realtà che siamo in grado di capire sempre meglio?

Risponde don Antonio Rizzolo, direttore di Famiglia Cristiana:

Sono d’accordo: la Trinità è al centro della nostra fede cristiana. Purtroppo è stata presentata spesso come un teorema matematico, un enigma teologico. Mentre riguarda la nostra vita di ogni giorno. Dio stesso, rivelandosi come uno e trino, ci ha fatto capire che non è solitario o distaccato, ma è comunione e ci vuole coinvolgere nell’Amore che unisce il Padre e il Figlio. Come ha detto Gesù, “se uno mi ama, osserverà la mia parola e il Padre mio lo amerà e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui”. Se solo scoprissimo un po’ di più la bellezza di questo coinvolgimento nell’amore di Dio, se solo capissimo che siamo fatti per la relazione, per amore, essendo stati creati a immagine e somiglianza dell’Amore! La Trinità non è tanto un mistero inaccessibile, ma la rivelazione di Dio comunione d’Amore, che ci vuole coinvolgere come figli amati per amarci gli uni gli altri.

(Famiglia Cristiana, N° 35, 27 agosto 2017)

Annunci

Info giovannistraffelini
Docente Facoltà di Ingegneria Università di Trento. Editorialista del Corriere del Trentino.

One Response to La Trinità: un affare da specialisti?

  1. Giuliano says:

    Lo ammetto è un argomento per me difficile da comprendere, la ringrazio per averne parlato e sopratutto per aver riportato la rappresentazione che ne fa Sant’Agostino: “la Trinità come l’Amante, l’Amato e l’Amore che lega l’uno e l’altro e fa dimorare Dio in tutti gli uomini” è vero è una rappresentazione bellissima e mi aiuta a comprendere il significato della Trinità stessa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...