Quello che avreste voluto sapere del calcio (ma non avete mai osato chiedere)

calcioIn attesa del Campionato di calcio, propongo alcuni numero tratti dall’ottimo libro “Tutti i numeri del calcio”, di C. Anderson e D. Sally (Mondadori). Molte cose sono sicuramente note agli appassionati, ma molte altre sono forse nuove, magari inaspettate, sicuramente intriganti.

Per cominciare:

1) E’ vero che una squadra che ha segnato un gol ne subisce facilmente subito uno?
No: i minuti successivi al gol sono quelli in cui è meno probabile che la squadra che ha segnato subisca un gol.
2) Sono utili i calci d’angolo?
No: non c’è correlazione tra corner battuti e gol fatti. I corner sono sostanzialmente inutili, solo uno su 5 frutta un tiro in porta! Una squadra segna su corner una volta ogni 10 partite… (meglio batter corto e tenere il possesso per evitare i contropiedi, come molte squadre oggi effettivamente fanno).

Bravura e… fortuna!
Nel calcio conta la fortuna & la bravura. E’ vero che più i giocatori sono bravi (e pagati) e più numerosi sono i tiri in porta, ma solo un tiro in porta su 8 finisce in gol… Dunque, di norma non vince chi tira più in porta o completa più passaggi: la squadra più forte (sia nel senso di più quotata sulla carta, sia che tira più volte in porta) vince in media la metà delle partite che gioca.

Attaccanti e gol
Il 44% dei gol sono “fortunati” cioè conseguenza di deviazioni fortuite, cross lunghi, contrasti sbagliati, palla che rimbalza storta…
Il punteggio più comune è 1-1 (seguito da: 1-0, 2-1, 2-0, 0-0, 0-1). Più del 30% delle partite finisce con al massimo 1 gol. In media si segna 2.6 gol a partita.
I gol non sono tutti uguali:
• 1 gol rende in media 1 punto (e dunque segnare almeno un gol a partita garantisce la salvezza)
• 2 gol rendono 2 punti
• 3 gol rendono 2,5 punti (il secondo gol è quindi quello più prezioso e la squadra che mira a vincere il campionato dovrebbe puntare a fare due gol a partita)
• 4 gol: vittoria pressoché sicura (farne di più non serve).
• 0 gol? Rendono circa ¼ di punto.
I gol dunque non sono tutti uguali e la bravura di un giocatore (attaccante) dovrebbe essere pesata sul “valore” del gol fatto.
Nel 1995, la Fifa ha portato da 2 a 3 i punti per ogni vittoria: sono aumentati i cartellini gialli (cioè il gioco offensivo) ma non i gol.

Difensori e gol subiti
Le squadre che segnano di più vincono il campionato nel 50% dei casi. E naturalmente chi ha la difesa più efficace (subisce meno gol) ha 50% (55% in Italia) probabilità di vincere il campionato.
Ma attenzione:
• segnare 10 gol in più riduce il numero di sconfitte del 1.76%
• subire 10 gol in meno riduce il numero di sconfitte del 2.35%
Quindi: avere una buona difesa è fondamentale se si vuole vincere il campionato.
Gol subiti a partita:
• 0 gol, in media frutta 2.5 punti (più del doppio che fare un gol!)
• 1 gol, in media frutta 1,5 punti (più che fare un gol!)
• 2 gol, in media frutta 0,5 punti
Nonostante gli attaccanti siano preferiti ai difensori, una buona difesa è più vantaggiosa di un buon attacco (e i difensori migliori non entrano mai in tackle). Insomma è meglio non perdere che vincere, anche se sembra il contrario.
In media in 90 minuti:
• un difensore tocca la palla: 63 volte
• un centrocampista tocca la palla: 73 volte
• un attaccante tocca la palla: 51 volte (soltanto..)

Quanto è importante il possesso palla?
Più che di possesso palla si dovrebbe parlare di controllo della palla; la stragrande maggioranza delle cose che un giocatore fa, le fa senza palla (in media un giocatore tocca palla per 1% del tempo che trascorre in campo). Il possesso palla è uno sforzo collettivo e denota l’abilità della squadra più che la bravura del singolo; la bravura più importante del singolo è quella di farsi trovare nel posto giusto per ricevere il passaggio.
Le squadre che passano meglio (75 – 80% dei passaggi completati), tengono più la palla, non la cedono dunque all’avversario, sono meno inclini ai contropiedi, fanno più tiri in porta e dunque più gol, e tendono ad essere vincenti.
Completare tanti passaggi è dunque una buona cosa, anche se l’arma più potente è: evitare di perdere palla (che può condurre facilmente alla sconfitta).
In ogni caso per vincere il campionato non basta la massima efficienza (fare poco ma farlo bene), occorre fare molto: molto possesso palla (più dell’avversario, dunque più del 50% in media), finalizzato ai tiri in porta (ovviamente l’efficienza non guasta..).

Gli stipendi dei giocatori
I soldi contano: spendere in un anno meno della media delle squadre del campionato significa alta probabilità di retrocessione.
I giocatori bravi costano di più (più gli attaccanti dei difensori..), ma la criticità maggiore è l’anello debole. Sono più influenti i giocatori scarsi che quelli forti. Dunque è più importante investire (pagare di più) nel ruolo più debole che sostituire un giocatore già adeguatamente forte (trascurando naturalmente l’effetto di indebolimento dell’avversario).
Stipendi dei giocatori e posizione in classifica vanni di pari passo con una dipendenza lineare e molto significativa.

Le espulsioni
Sono dannosissime. Subire un’espulsione riduce di 1/3 l’aspettativa media di punti ad incontro. Giocare in 10 contro 11 significa spesso la sconfitta.
I giocatori più scarsi (meno precisi nei passaggi, etc.) sono quelli che in media ricevono più cartellini rossi (anche i giocatori provenienti da stati poveri e con alto conflitto sociale tendono ad essere più fallosi in campo).
Un’espulsione pesa tanto quanto il fattore campo.

Le sostituzioni (e allenatore)
Quando una squadra è in svantaggio, l’allenatore dovrebbe fare il primo cambio entro il 58° minuto, il secondo entro il 73°, il terzo entro il 79°. Se una squadra non sta perdendo, non è importante quando è fatta lo sostituzione.
Infatti, una situazione di svantaggio è spesso dovuta all’anello debole che va dunque individuato e sostituito (almeno con un cambio fresco) prima possibile.
Con questa regola c’è il 52% di probabilità di rimontare (almeno al pareggio).
In ogni caso, l’allenatore non svolge un ruolo particolarmente importante, e può incidere per un 19% dei punti totalizzati da una squadra (nel breve periodo del campionato; sul lungo termine l’allenatore può contare di più, scoprendo e formando i giocatori).
Notare che anche nel calcio vale il principio della ‘regressione verso la media’: se un allenatore (ma anche un giocatore, e la squadra) un anno fa particolarmente bene, è assai probabile che l’anno successivo faccia meno bene, tendendo verso un comportamento medio generale (in riferimento alla categoria).
Da questo punto di vista serve poco cambiare l’allenatore: in genere si sostituisce dopo una striscia di sconfitte consecutive, per cui è normale che – dopo la sostituzione ma indipendentemente dalla sostituzione – la squadra cominci a migliorare. In genere sostituire l’allenatore comporta solo un effetto placebo.

Calci di rigore
8% dei gol (66% su azione; 2.8% su punizione; molti casuali..)
probabiltià di segnare da un tiro in porta su azione: 12%
probabilità di segnare su rigore: 77%
Il giocatore che ha paura sbaglia di più: la paura si veda da cosa fa dopo che ha posizionato la palla: se il giocatore non si gira ma indietreggia rimanendo rivolto verso il portiere in senso di sfida ha maggiore probabilità di segnare.
“Lotteria dei calci di rigore”: la squadra che batte per prima vince in oltre il 60% dei casi.

Annunci

Info giovannistraffelini
Docente Facoltà di Ingegneria Università di Trento. Editorialista del Corriere del Trentino.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...